Lo Spezzatino di Fassone

Lo Spezzatino di Fassone

Lo Spezzatino. Sicuramente uno dei piatti invernali più apprezzati e aspettati, con mille sfumature e varianti...diciamocelo, ognuno lo fa a suo modo chi con la ricetta della nonna e chi sperimentando rivisitazioni, chi lo chiama stufato, chi stracotto e chi gulasch.

Noi vi proponiamo la nostra ricetta all'italiana, partendo ovviamente dalla materia prima, la base per la riuscita un buon piatto:

Polpa magra di Fassone di Razza Piemontese

I bocconcini di bovino di Fassone selezionati sono ideali per piatti che necessitano lunghe cotture teneri e gustosi, sono derivanti dal taglio centrale e caratterizzati dalla presenza di connettivo muscolare, compatti e gustosi, il prodotto ideale per ottenere un morbidissimo spezzatino che si sfalda solo al guardarlo.

 

La preparazione

- I Bocconcini di manzo Fassone vanno tirati fuori dal frigorifero mezz'ora prima, poi li estraiamo dal sottovuoto e lui asciughiamo con un panno di carta assorbente 

- Come primo passo prepariamo il brodo di verdure e teniamolo da parte ben caldo

- Ora prendiamo sedano, carote e cipolle le sminuzziamo abbastanza finemente, li useremo per il nostro soffritto

- Prendiamo gli aromi, noi useremo timo, alloro, salvia, rosmarino e li leghiamo con uno spago perchè andremo poi a rimuoverli dalla casseruola.

Ci siamo:

Mettiamo la casseruola sul fornello e aggiungiamo abbondante burro e un filo di olio extravergine di oliva, aggiungiamo il trito e facciamolo appassire a fiamma bassa, senza farlo seccare e aggiungendo un poco di brodo caldo per tenerlo umido e dopo aggiungiamo i nostri bocconcini di Fassone alzando la fiamma per farli rosolare bene, dopo qualche secondo aggiungiamo un paio di cucchiaini di farina che serviranno a formare la salsina finale, e subito versiamo un bicchiere di vino bianco (o rosso se volete un sapore un po' più intenso) per sfumare.

Una volta che il vino sarà evaporato aggiungiamo il rametto degli aromi, saliamo pepiamo e copriamo tutto con il brodo. Lasciamo cuocere a fiamma lenta per circa un'ora e un quarto, aggiungendo il brodo all'occorrenza.

Terminata la cottura vedrete che la salsa si sarà ristretta, curate la giusta densità durante la cottura ne troppo liquida ne troppo asciutta, togliete il rametto di aromi e portante in tavola il vostro spezzatino accompagnato da un paiolo di polenta fumante.

Non ci resta che augurarvi buon appetito!

PS: Non dimenticate di stappare un'ottima bottiglia di vino rosso 😉


Tags